Blog: http://TopGanz.ilcannocchiale.it

Se questa è l'umanità ....



Mi ha fatto pensare il fatto che tale on. leghista Paola Goisis (nella foto) abbia detto (vedasi qui): "Con un mondo di omosessuali finirebbe l'umanità".
La cosa è salacemente ripresa qui, da Malvino, che rileva - tra altre obiezioni - come sia facile osservare che la stessa cosa varrebbe per un mondo di preti. Divertente anche la battuta di un certo Pietro, che chiede ironicamente: "E un mondo di preti omosessuali?".

Volendo dire qualcosa, appare innanzitutto ovvio che un mondo di preti, intesi come soggetti rigorosamente casti, non avrebbe sostanzialmente alcun futuro, comunque assai meno futuro di un mondo di omosessuali, i quali - anche volendo scartare il metodo naturale - disporrebbero pur sempre di più di un'alternativa allo scopo di procreare e di dare quindi un futuro all'umanità. E' chiaro poi che un mondo fatto solo di preti omosessuali troverebbe ancor più difficoltà a perpetuare la specie.

Ma queste sono facezie buone per un cazzeggio sano e saggiamente irriverente, argomenti sterili quanto piacevole risulti perlopiù l'ersercitarsi in questo genere di ozioso trastullo. Loro, i preti, avrebbero comunque gioco facile ad osservare (oltre a quanto ricorda Malvino) che l'umanità non dovrà mai essere composta da soli preti (e monache).

L'essenziale, sempre per loro, i preti, è che i laici (ma anche le monache) si comportino secondo il loro punto di vista e la loro etica. Se non accetti di ubbidire a loro e li mandi invece affanculo, loro lo chiamano astiosamente relativismo, e gli prende una gran voglia di accendere roghi. Se poi ci aggiungi anche qualche calcio in culo, la cosa basta a chiamarlo martirio. Se invece sono loro ad imporre le loro opinioni, magari usandole loro le maniere forti, lo chiamano catechesi.

Certo però che viene naturale da chiedersi: se l'umanità è questa, sempre più popolata da figuri come la Goisis, Giovanardi e Sarah Palin o da gente che chiama relativismo - spesso convintamente, sempre bovinamente - il seguire il proprio cervello e i propri sentimenti, non è che, per l'umanità stessa, potrebbe risultare salutare, se non proprio qualcosa che la estingua definitivamente, almeno un evento che faccia una gran bella selezione?

Pubblicato il 24/7/2012 alle 18.44 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web